Ritmo spasmodico di una malinconica follia

Per chi ha visto Whiplash.

Hanno messo i titoli di coda sul sorriso di Miles Teller perché avrebbero rovinato il finale se avessero fatto vedere quando, un attimo dopo, gli veniva un ictus e moriva.

Beh, anche se non si vede nel film, secondo me, è abbastanza scontato.

Tra Teller e Simmons non sono ancora sicura di chi sia più mostro, fatto sta che il risultato è stato sensazionale. Un’atmosfera frenetica e triste. Un connubio geniale, come se il regista avesse trovato il modo di farti sentire come le bacchette di Andrew per il corso di tutto il film. In continua vibrazione, mai completamente ferme, perennemente irrequieti. Vibro ancora.

Per questo l’impatto con i titoli di coda è l’unico momento in cui lo spettatore, finalmente, trova la pace. Ci va a sbattere contro. La musica si spegne di colpo per lasciare solo il retrogusto della eco di una batteria fantastica. E uso la parola fantastica nel senso di immaginaria, la colonna sonora fa correre sulle nuvole.

Sono in estasi.

 

 

Camilla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...