Appello ai repressi per creare un Fight Club in cui sfogarci

Talvolta volere così tanto bene ad una persona è limitante perché ti trattiene dal pestarla a sangue. 

Sì perché il problema di noi troppo gentili, di noi Vogliopiacereatutti, di noi Massídaifanienteècolpamiainfondo, è che accumuliamo ed implodiamo, c’è anche chi esplode (non che sia il mio caso) ma lì sono cazzi vostri.

Noi non ci sentiamo in diritto di lamentarci, di arrabbiarci, di offenderci o intristirci quindi cerchiamo di farlo in silenzio. Senza farlo notare alla suddetta persona che ha altro a cui pensare, tipo i cazzi suoi.

Alla lunga, care persone come me, me lo confermerete, ci si sente un po’ presi in giro, un po’ sottovalutati, un po’ calpestati nella nostra bontà che forse è codardia. Fatto sta che, sapete che c’è? Vaffanculo, io non me lo merito di essere trattata così. Perché ci basta la mia testa a cercare di svilirmi ogni giorno, non ho bisogno di altre dimostrazioni.

Camilla

2 pensieri su “Appello ai repressi per creare un Fight Club in cui sfogarci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...